Mi accorgo, sebbene senza stupore, che è quasi passato un mese dall’ultima volta che ho aggiornato il blog. Bella cosa per una che aveva nelle proprie intenzioni di scrivere un post al giorno, nevvero? Non voglio però neppure fare come il mio amico Mirko che ogni tanto minaccia di tornare solo per sparire di nuovo (scherzo, naturalmente! Anche perché, alla fine, è tornato sul serio 😉 ).  Ma non volevo neppure stare assente per troppo tempo pur se non ho molto da scrivere.

Ecco il punto. È un periodo in cui i pensieri e le cose che vivo non riesco ad elaborarli più di tanto. Per cui restano lì a galleggiare nella mente senza mai prendere veramente forma. Le imprese sono praticamente ferme perché sono ormai davvero mesi che non prendo in mano L’ombra dello scorpione (ma neppure altri libri, in verità) e la cosa mi fa anche un po’ rabbia perché avrei voglia di continuare, di portare avanti l’impresa ma proprio non ho nessuno stimolo a leggere. L’impresa2 langue con il post sulla visita alla Galleria dell’Accademia scritto a metà e lasciato lì anche lui a candire da mesi.

Faccio cose, come dicevo. Ma queste cose non si traducono quasi mai in pensieri compiuti che mi fa voglia di condividere. E non mi va neppure di stare a riflettere troppo sul perché. La vita è così. O almeno per me. A periodi fortemente creativi si alternano quasi inevitabilmente periodi più riflessivi, più intimi. È un po’ come il succedersi delle stagioni quando l’inverno, apparentemente arido e freddo, in realtà sta già preparando le gemme che spunteranno in primavera, col primo sole.

Ci sono stati due eventi significativi in questo periodo. Eventi che segnano anche a distanza di tempo.

Il primo è la morte della mia nonna materna di cui vi avevo già accennato. Mi rendo conto che anche adesso, a distanza di tre mesi, mi capita di fermarmi e pensare a lei dopo aver colto un particolare che me la ricorda. Mi capita anche di scoppiare a piangere improvvisamente e capire, solo dopo un istante, che è perché sento la sua mancanza. Ho messo un sacco di cose sue in casa mia. Le guardo e, a volte, provo sollievo nel trovarmele vicine. Altre volte, invece, mi rendono incredibilmente evidente che non c’è più. Ma sono contenta che pezzi della sua vita siano entrati a far parte della mia.

L’altro evento riguarda il lavoro. Ho attraversato una grossa crisi che mi ha portata a decidere di lasciare il mio attuale impiego. Il motivo principale era il fatto che non mi sentivo più coinvolta, stimolata. Ci sono stati dei cambiamenti a livello di direzione che mi hanno costretta a rivalutare il mio ruolo e le mie responsabilità. E ho capito che certe cose non facevano per me. Avevo già preparato la lettera di dimissioni con tutto ciò che comporta mettersi alla ricerca di un nuovo lavoro nella situazione attuale. Ma mi ero decisa ed ero pronta ad andare fino in fondo. Poi le cose sono cambiate. Sono sempre stata convinta che parlare, comunicare sia la scelta giusta, sempre e comunque, anche quando qualcuno, apparentemente, sembra non volerti ascoltare. Per questo motivo ho parlato chiaramente con il mio capo e gli ho detto tutto quello che, secondo me, non andava. Ed è successo il miracolo. Non tutto insieme ma, a poco a poco, le cose sono cambiate. E io ho ritrovato la carica necessaria e la passione per ricominciare. Adesso ci sono ancora cose da sistemare ma, in generale, i problemi che c’erano cominciano a sembrare un ricordo sempre più sbiadito.

Ecco. Questo è tutto. Intanto c’è una gran voglia di rinnovamento e parto cambiando il tema del blog (ditemi se vi piace, mi raccomando 🙂 ). Poi si vedrà. Anche perché la virata culinaria che ultimamente ha preso il blog di Ralph piace molto anche a me. Niente dolci però!

No, non temete. Continuerò sulla strada che ho intrapreso. Abbiate solo un po’ di pazienza 🙂

Annunci